Il tredicesimo apostolo

Verrà un altro Battista
a santificare la nuova era
e i vecchi profeti si trascineranno a malapena
dietro al millesimo aprile
farneticando di un nuovo Messia
e di un’eterna magnificenza
squallido e inutile dileggio
di un mondo che non è più
i fiori fioriranno
e i maligni maligneranno
mentre io
ladro di idee, in quarantena
fino a quando la fine del tempo
sarà caduta sopra ad ognuno di noi
assisterò inerme
con la pazienza del giocatore di carte
che ripulisce il prossimo
accompagnandone la rovina
e quando al mattino
il nuovo giorno verrà a far di conto
io non ci sarò
fuggiasco, nell’oscuro ventre della notte
per le vie del mondo
dentro le ore di tutti i secoli

I vostri commenti